Visitare Bologna per la prima volta significa restare affascinati dall'architettura, dalla storia, dall'atmosfera di una città medievale che si fondono in una suggestione unica.

Passeggiando per le viuzze del centro storico, ci si innamora delle forme piene e del "rosso" bolognese rimanendo piacevolmente sorpresi e insieme rapiti alla vista di giardini nascosti nelle corti di antiche dimore. Lo sguardo si perde poi in suggestivi scorci che qua e là si aprono sui tetti lasciando intravedere torri e torresotti, seducente scenario di tramonti tinteggiati di azzurro e di arancio nella soffusa nebbia che avvolge Bologna nelle giornate invernali.

Il ritmo del vivere dell'antica città d'arte e di cultura che da sempre è Bologna "la dotta" entra nell'anima di colui che si trova a passeggiare nella Piazza Maggiore e sotto i portici. I portici, i più lunghi del mondo, da sempre icona di Bologna, insieme alle torri degli Asinelli e della Garisenda, e antica palestra del sapere degli illustri accademici che hanno dato lustro alla più vecchia Università (1088), ora accompagnano tranquilli le escursioni tra mille vetrine di prestigiose firme della moda e della gastronomia.

Ed è la cucina di Bologna a conquistare definitivamente. Una perfetta armonia di piatti tradizionali dove trionfa la pasta fresca all'uovo "tirata a mattarello" in sottile sfoglia, che si unisce al ragù ed ai ripieni di carne dando vita a succulenti tagliatelle al ragù, tortellini, lasagne e tortelloni seguiti da secondi piatti altrettanto gustosi.
Un capitolo a parte lo meritano il parmigiano, il prosciutto, i salumi, quelli veri fatti come una volta, e l'emblema culinario di Bologna, la mortadella, da gustare tagliata a cubetti e accompagnata da crescentine o tigelle.

Per unire arte, shopping e gastronomia, assaporando la città e regalandosi un piccolo souvenir dei suoi sapori, il consiglio è quello di godersi l'intimità unica di Piazza Maggiore, con il Nettuno, il Palazzo del Podestà e San Petronio, per poi avventurarsi nelle stradine strette del "quadrilatero" dietro al Pavaglione - via Drapperie, via Orefici, via Clavature, via Pescherie, fulcro medioevale della vita commerciale ed artigianale di Bologna dove tutt'oggi hanno sede le panetterie, salsamenterie e drogherie più antiche della città.
Proseguendo lungo via Caprarie si giunge in Piazza della Mercanzia con lo splendido palazzo dei Mercanti, in stile gotico, antica dogana e tutt'ora sede della Camera di Commercio. Lo sguardo si sposta in alto a sinistra ad incontrare le Due Torri. Lì inizia la via Santo Stefano che va ad aprirsi sull'incantevole piazza in ciottolato di fronte al complesso delle Sette Chiese, uno spettacolo da non perdere!

E tanto varia e accattivante è la città di giorno quanto lo è la sera, Bologna offre ai suoi ospiti un’ampia scelta per il divertimento notturno, teatro, concerti, cinema, ma soprattutto una moltitudine di locali per tutti i gusti, dalle osterie tradizionali ai cocktail e wine bar più alla moda, fino ai disco&dinner, per chi vuole vivere la notte bolognese fino in fondo.
MONDO
TANEXPO